FERIE 2006

 

 

San giuliano milanese

Domenica 25.7.2006

                                                                                                                                                                               

 

Finalmente sono arrivate direzione SPAGNA quindi prendiamo per Genova A7 ore 11.00

Poi per Ventimiglia A10 autostrada Milano Ventimiglia 21,20 km 13.317 ora per Nizza

Autoroute 1,9+1,20+2,60+12.00+5 sono tutti piccolo caselli che ti fanno pagare un tiket

Tranne quello di le capiteau che costa 12.00 quindi bisogna avere sempre con se un po´

Di moneta perche´la devi buttare nei cestini dei caselli detto cio´siamo arrivati ad

Avignone e´meglio uscire  ad Avignone sud noi siamo usciti a nord ed abbiamo dovuto

Girarle in torno per prendere la N86 proprio li sulla strada abbiamo trovato un Etap

Hotel (catena di alloggi che si trova spesso in francia ed a prezzi ragionevoli dipende

Dalla citta´in cui vi trovate quindi cercate verso la periferia)si chiama Marguerittes

(47€ e´ dotato di aria condizionata ­+8 € di p.dej.ed abbiamo anche cenato con 37€ 2

 carbonare ottime e due dolci vino sfuso ed una acqua )dopo aver installato il pc

ci siamo guardati un film,le stanze sono molto piccole ed attenzione all´impianto dell´aria

condizionata fuori il caldo e´ torrido ma in camera si sta abbastanza bene

 

 

 

N86

Lunedě 26.6

Ore 8.55 km 13656

Sole  gasolio intermache a montp 20 € (km 13696)

 

Alla periferia di Nimes ci siamo fermati al carrefour (dove non hanno preso la carrefour pass)

La spesa di 48€ per affrontare il viaggio con qualche bibita fresca (riposta nel frigorifero

Che non abbandoniamo mai in ferie ) ,abbiamo preso per Narbonne poi la 113 per

Montpellier (il carburante + a buon mercato lo si trova nelle pompe degli intermache

Oppure nei  carrefour)ora via verso Perpignan una delle ultime citta prima di entrare

In Spagna, ma noi deviamo per Andorra i cartelli sono molto chiari al contrario del

Casello Nime-Perpignan dove non si vedeva nulla e quindi non ho l´importo della spesa

Controllero al ritorno . prendiamo la N116 ci fermiamo per visitare la cittadella fortificata

Di Villafranche de Conflant carina nel parcheggio ci sono i bagni un piccolo breck una

Passeggiata per riprendere la circolazione due foto e poi si riprende la strada per Andorra

Passiamo la dogana ma non controllano e ci avviamo per La Vella capitale di Andorra

(non abbiamo fatto il pieno prima perche´ Andorra e´porto franco e quindi con 36,50€ per

42 litri abbiamo riempito il serbatoio costa 0,86€  al litro il gasolio ) niente di particolare

La solita cittŕ extradoganale hotel solo di lusso negozi all´infinito

 su strade senza un parcheggio sono tutti sotterranei ed a pagamento naturalmente,

 non ti puoi fermare da nessuna parte tutte le corsie a scorrimento veloce sottopassi gallerie che ti postano

In pieno bosco a noi non e ´piaciuta infatti si riusciti immediatamente ed abbiamo preso

Per Figueres ,Spagna , ma fortunatamente cé´un paesino Seu………….dove troviamo

L´hotel Nice tre stelle passabile stanza profumata pulita con la prima colazione

abbiamo pagato 73,60€ senza colazione 53€ attenzione alle prese portatevi quelle francesi e

quelle tedesche e le nostre infatti abbiamo cambiato con le tedesche per attaccare il frigo,

finalmente ci sediamo in una pizzeria poco piu´avanti di none Bambola pizze buone due dolci

acqua e vino 20€ (non ci posso credere) infatti anche i tabacchi in spagna costano meno

le malboro rosse classiche costano  € 2.80 .

 

Seu……

Martedě 27.7

Ore 7.30 km 14.850

Sole

 

Scendiamo dalla camera per fare colazione e lasciamo l´hotel alle 9.30 l´auto e´nel parcking

dell´hotel sembra una cassaforte ultra protetta e partiamo per la volta di Barcellona

imbocchiamo la N260 per Pugcerda e poi per Ripoll prendendo il Toses N152

 e´una strada panoramica piena di curve ma da non perdere non e´consigliabile per roulotte arriviamo

in cima dove misura 1.800 metri il sole e´a picco ma cé´un´aria molto gradevole

spesa per mettere sotto i denti qualche cosa dopo le innumerevoli curve ( 9€)ora prendiamo

la strada verso la zona dei vulcani Olot ci si puo´fermare e fare un giro in mongolfiera e

visitare dall´altro tutti i vulcani orami coperti da una moquette verde, noi invece procediamo

per Figueres dove andiamo a visitare il teatro museo di Salvatore Dali´gia´dall´ esterno si

vede la genialita´di dali´il tetto e´cosparso di uova gigantesche bianche , non si puo´spiegare

altrimenti si perde lo stupore nel vedere le cose , l´unica cosa da approfondire e´la visione del

quadro, Gada nuda che guarda il mare .stando ad una distanza di 18 metri si scorge la

fisionomia del presidente Abramo Limcol , il resto lo scoprirete visitando tutte le sale

Se arrivate all´ ora di pranzo sulla strada che porta al castello cé´un´area pic-nic comodissima

lasciate li l´auto attraversate la strada ed e´ proprio di fronte a voi il costo e´10 €

Ora prendiamo la strada per Girona N11 arrivati in citta´scopriamo che tutta un cantiere

abbiamo notato fino ad ora che la Spagna si sta rinnovando perche´ci sono cantieri ovunque

dicevo cerchiamo la I(informazione) e dopo aver percorso a piedi vicoli e vicoletti con le

indicazione della  I in citta gli hotel sono troppo cari quindi decidiamo di andare verso il mare

prendiamo la N65 che ci porta a Sant Feliu cittadina carina sul mare con la sabbia che

entra quasi nelle hall degli hotel ne visitiamo qualcuno fino a che ne troviamo uno Eden Roc

e´un restor con ventiquattro entrate tre piscine campi tennis e di piu´, la camera e´molto

calda non cé´l´aria condizionata,ma noi siamo attrezzati ed oltre al frigo abbiamo sempre

anche un ventilatore di quelli verticali e lo mettiamo in uso,

 l´arredamento e´tutto in smidollino con tendoni bordeaux di velluto il soffitto e´a stucchi e nel bagno sorpresa

c´e´l´idromassaggio che non ci siamo lasciati perdere, per la cena decidiamo di andare

 fuori , tanto non cé´l´ombra di nessuno in giro perche´cé´ la partita spagna francia ,

 ci fermiamoin un ristorante dove ordiniamo la paella vino acqua ed il dolce

 crema catalana da nonperdere il tutto per 34 € ps gli spagnoli era un po´mortificati visto che hanno vinto i francesi

 

 

Sant Feliu

Mercoledě 28.8

Ore 7,30 km 14.383

Sole

Levataccia anche questa mattina per scendere per la colazione , ci siamo persi nelle

varie sale,ma quando siamo arrivati in sala colazione lo spettacolo e´stato favoloso,

si specchia nel mare tutta una vetrata adornata da drappi color  senape e sabbia che si

legano a meta vetrata con delle nappe molto particolari, la gente era tutta riversata  

sul  buffett che era al centro della sala e tutt´intorno i tavolini tondi con innumerevoli

tovaglie tovagliette tovaglioli ecc ecc dopo queste breve premessa colazione e via

costo 70€+14€petit dej. Iva 7 tot 89.88€

Ora prendiamo la strada per Tossa de Mar un caso solenne sembra riccione o rimini

una confusione ed allora via verso Malgrat spesiana al carrefour 39.30€

 

Arriviamo a Barcellona,che confusione New York e Parigi assieme non fanno il traffico

che cé´in Barcellona prendiamo le strade a scorrimento veloce non si riesce piu´ad uscire

e´meglio prendere le laterali dopo un po di confidenza riusciamo ad arrivare in una delle

tante cituit (centro citta) troviamo l´informazione coda di 30 minuti per avere delle

fotocopie sbiadite dove trovare gli hotel premetto nessuno che sapeva l´italiano

ci  fermiamo in una via laterale al centro Via Napolis e veniamo scippati da due magrebini

qui finisce la notra visita in spagna, consiglio a costo di diventare maleducati non

fermatevi se qualcuno vi fa segno che e´nei guai e tantomeno dare informazioni ad

estranei e´un attimo che ti freghino il portafoglio , putroppo e´capitato, ma poteva

accadere anche a casa quindi , noi abbiamo girato il coche e siamo ritornati a casa

dopo aver fatto denuncia  i poliziotti  sono molto gentili e disponibili il ritorno e´semplice

dritto fino a casa in fondo a sinistra per rifare tutto

 

 

 

 

 

 

San Giuliano

Sabato 1.7.2006

Ore 9.58 km 15579

Sole gasolio 50€

Ci riproviamo ed ora partiamo per un posticino tranquillo in val Passeria prenotato

tramite internet (visto che non possiamo lasciare l´italia per la patente provvisoria)

abbiamo preso per Colico poi per Bormio ed infine per Tirano , purtoppo cé´ il

motoraduno sullo Stelvio a Tirano ci fermiamo per un panino arriviamo sullo Stelvio

che non si puo´neppure scendere dall´auto infatti abbiamo fatto coda, vi rendete

conto coda al passo dello Stelvio non ci si puo´credere tanti moto cosi´non le ho mai

viste, naturalmente erano anche in giro come tante zanzare da evitare da schivare

quanti imprudenti la maggior parte italiani improvvisati motociclisti solo perche´

e´di moda,comunque siamo arrivati per fare 400 km ci abbiamo messo 8 ore

per fortuna la signora Brunilde la titolare del resident ci ha aspettato in quel di

Plan di Moso in val Passiria residenz Marteshof abbiamo prenotato per due settimane

dopo aver visionato l´appartamento ci siamo sistemati e´molto accogliente profumato

pulito e sembra nuovo con i piumini e gia´perche´qui siamo a 1.600 metri e ci vuole

proprio il piumino e la coperta di lana la Sig.ra Brunilde ci fornisce il pane fresco tutti

i giorni ed il latte appena munto delle sue mucche che bonta´

 

 

Plan

Domenica 2.7

Ore 11 gasolio ridanna 20€

Sole

Scendiamo da Plan e prendiamo la strada che va a Sterzing Vipiteno, e´la ss44

il passo del Giovo e´un po´stretto ma molto panoramico, anche oggi ci sono le moto

in giro ed e´un po´pesante arrivare alla vetta che e´altra 2.904 metri siamo a

Vipiteno e´ tutto chiuso perche´e´domenica poi abbiamo fatto un giro verso la

Val Ridanna posto molto tranquillo qui si respira ci sono 25 26 gradi ventilato

con un sole a picco che pero´non  da noia  

 

 

Plan

I giorni si sussegueno e da oggi che e´lunedi´3 luglio purtroppo abbiamo passato

5 giorni in casa per una indisposizione di roby riprendiamo il nostro contatto

con il mondo, dico cosi´ perche´a Plan cé´ solo un piccolo negozietto e basta un gruppo

di case che sono pensioni hotel stalle e montagne tutto intorno, quindi come dicevo

il contatto con mondo lo riprendiamo andando verso S. Leonardo che e´il paese

piu´fornito di negozi farmacia ecc attenzione agli orari dei negozi chiudono presto

la sera e per alcune attivita´ il sabato e´chiuso (macellaio solo mattino) detto questo

la strada passa sempre e comunque sia da Plata che da S.Leonardo

e da li prendiamo la strada per Merano oggi e´ venerdi´

e cé´il mercato  il tempo si guasta durante la mattinata

ma non piove ancora il mercato e´grandissimo , ci fermiamo a pranzo in citta´

sul viale che porta al mercato , troviamo una pizzeria  ,  ristorante ´La marinara

 con 19 € abbiamo preso due pizze da bere e due caffe io che sono di milano

e´un conto molto accettabile,ed ecco il temporale   quindi siamo  tornati a casa ,

 un´altra gita da non perdere e´la Val D´Ega  non e´ molto vicino 

quindi dopo   S. L.eonardo di prende la strada per Merano  poi la  N38 per Bolzano

 poi ci sono le indicazioni per la Val D´Ega e´una valle fatto solo di gole molto strette

 a picco sulla strada che tortuosamente fiancheggia il fiume , putroppo stanno facendo le gallerie

perche´ probabilmente sta franando, noi qualche anno fa gia´l´avevamo percorsa infatti

un piccolo tratto e´gia´stato coperto ed e´per questo motivo che e´da fotografare anche se

le aree sono molto poche si riesce comunque ad ammirare queste gole che stanno per essere

nascoste per sempre , poi una volta percorsa la valle decidiamo di proseguire per la N241

che porta al lago di Carezza anche questo lávevamo gia´visitato qualche anno fa, ma notiamo

che si e´leggermente ridotto e´un laghetto a 1600 metri si puo´fare una bella passeggiata

tutt´intorno perche´ci sono i sentieri in mezzo al verde 15 minuti a passo lento un parcheggio

da la possibilita´di fermarsi  anche per uno spuntino  riprendiamo la gita salendo

ancora verso il Passo di Costalunga (1745 mt) e di prendere la strada verso Tires di fronte a noi

vediamo il gruppo della Marmolada per arrivare a Tigres bisogna passare un´altro passo

il Nigra (1688 mt) i panorami si sussegueno suggestivi da una vallata all´altra senza sosta

fortunatamente la giornata e´splendida e ci gustiamo la gita, nel tornare a casa ci siamo

fermati a comprare il vino in una cantina naturalmente sulla strada del vino che parte da

Bolzano e costeggia tutti i vigneti della zona la cantina e´in un castello quello riprodotto

Sulle loro etichette Eppan (appiano in italiano) prendiamo muller ed pinot ad un prezzo

molto inferire che a Milano .

Una mattina abbiamo deciso di prendere la seggiovia ( un´altro servizio

che la sig.ra Brunilde fornisce sono le previsioni del tempo, molto utili in montagna

e la  card per avere sconti su seggiovie musei e varie escursioni ) quindi sapendo 

 che la giornata sarebbe stata splendida prendiamo la seggiovia  che  porta a 2200 metri ,

 da li ci sarebbero tante passeggiate da fare

ma noi facciamo due passi li intorno e ci fermiamo al rifugio, il sole scotta il panorama e´

da cartolina.(6€ ca andata e ritorno con la card)

Questa gita e´stata un po´lunga siamo andati fino a Brunico prendendo sempre il passo Giovo

percorso senza le  moto  che ti invadono le corsie e´un´altra cosa

cosi´ci si puo´ gustare  di piu´i panorami poi scendiamo verso Vipiteno

ed infine si prende la N12 che porta a Bressanone, siamo scappati troppo caos,  da qui siamo tornati indietro per Brunico

ed abbiamo fatto la Val Pusteria fino alla meta Brunico cittadina molto carina con le classiche

case piatte che svettano  verso il cielo

Oggi siamo andati a S.Leonardo ed abbiamo preso la N44 bis verso il passo Rombo non e´

consigliato alle roulotte la strada e´molto panoramica piena di tornanti il passo e´chiuso

dalle 20 alle 7 del mattino ed e´a pagamento  salendo cé´la possibilita´di fermarsi

 per scattare qualche foto siamo arrivati circa a 2400 e troviamo una galleria

con due porte giganti fatte di ferro aperte verso l´interno della stessa procediamo

 in galleria e delle lucine a destra rosse a sinistra bianche e sono le sole

che la illuminano arriviamo alla fine , e scopriamo che

cé´unáltro portone identico al primo proseguiamo affrontiamo qualche tornante

 e troviamo la vecchia frontiera italiana e dopo qualche metro l´austriaca , ormai entrambi abbandonate

il passo misura 2509 metri c´e´una bella arietta anche se il sole non demorde con la sua calura

torniamo indietro e notiamo che questo passo e´poco frequentato

 quindi ottimo per una piacevole gita tranquilla e panoramica .

 

 

 

home  foto spagna  foto val passiria  diari viaggio